Inseguimento da film sull'Asse attrezzato, la polizia sperona l'auto rubata per bloccare i fuggitivi

Dopo che il conducente non si è fermato all'alt, nella zona dell'ospedale di Pescara, la fuga è durata fino a Dragonara, ma gli agenti sono stati più veloci

Scene da film, oggi pomeriggio, lungo l'asse attrezzato, per l'inseguimento di un'auto da parte della polizia stradale iniziato nelle strade di Pescara e proseguito poi lungo l'Asse attrezzato, nel territorio di San Giovanni Teatino. 

Gli agenti hanno iniziato a seguire l'auto, una Citroen C4 di colore grigio con quattro persone a bordo, nella zona dell'ospedale di Pescara quando il conducente, dopo avere ignorato l'alt, è fuggito a velocità folle verso l'Asse attrezzato, in direzione Chieti. Dopodiché, cercando di seminare la stradale, è uscito allo svincolo di Sambuceto, rientrando in seguito da quello di Dragonara. 

Qui, nel frattempo, erano arrivati i rinforzi e un'altra auto di poliziotti è riuscita a fermare i fuggitivi, speronando il mezzo. Dopo aver bloccato gli occupanti della macchina, dai primi controlli è emerso che la Citroen, che ha riportato diversi danni, risultava rubata. 

Nel frattempo, sul raccordo autostradale ci sono stati lunghe code e disagi in direzione Chieti per i rilievi e le operazioni di polizia.

Le quattro persone a bordo dell'auto speronata sono state portate in questura. Si tratta di quattro minorenni fra i 15 e i 16 anni, che hanno seminato il terrore, rischiando di causare ben altro di un semplice incidente.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto nel cuore della movida dello Scalo: automobile travolge una moto

  • La migliore colazione è a Chieti, premiata l'eccellenza di Manuela Bascelli

  • Allarme invasione cimici: i rimedi per eliminarle da casa

  • Condannati i rapinatori dei coniugi Martelli: devono scontare dagli 8 ai 15 anni

  • Va a prendere il figlio a scuola e viene investito in pieno centro

  • Bimbi più vicino a mamma e papà: alla Walter Tosto apre l’asilo nido aziendale

Torna su
ChietiToday è in caricamento