Infermiera di 60 anni coltiva marijuana sul balcone e viene arrestata: "Mi serviva per fare i decotti"

Per effettuare l'operazione e tenere sotto controllo l'abitazione della donna, a Torricella Peligna, i carabinieri si sono sostituiti agli addetti che distribuiscono materiale pubblicitario

immagine di repertorio

Deteneva piante di cannabis e marijuana sul balcone e dentro casa, ma quando i carabinieri hanno fatto irruzione per arrestarla con l'accusa di coltivazione abusiva, si è giustificata sostenendo di non essere una spacciatrice e che lo stupefacente veniva utilizzato per fare decotti.

Ma un'infermiera ospedaliera di 60 anni di Torricella Peligna è finita agli arresti domicliari nell'ambito di un'operazione dei carabinieri della compagnia di Lanciano i quali, per tenere sotto controllo l'abitazione, si sono finti addetti al volantinaggio.

Sul balcone e nell'appartamento della donna sono stati rinveuti 20 vasi di piante di cannabis alte oltre un metro, due sacchetti di 50 grammi di marijuana e un barattolo di semi. Le foglie, già essiccate e sequestrate, avevano un peso complessivo di un chilo e mezzo. L'infermiera, su disposizione del procuratore di Lanciano Mirvana Di Serio, è stata sottoposta agli arresti domiciliari.

Lunedì prossimo sarà sottoposta all'interrogatorio di garanzia davanti al gip di Lanciano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il principe Alberto di Monaco in visita privata alle tenute Masciarelli

  • Mercatini natalizi a Chieti, per respirare la magica atmosfera delle feste

  • Fuggono all'alt della polizia, folle inseguimento in centro sul motorino rubato

  • Natale 2019: tra giochi di luce e un'atmosfera da sogno si è riaccesa la villa di Lido Riccio

  • Scappa alla vista dei carabinieri, poi li prende a calci e pugni: addosso aveva gioielli rubati

  • Scuola, assunzioni e lavoro: le aziende abruzzesi assumono ma mancano figure professionali preparate

Torna su
ChietiToday è in caricamento