Incendio a Villa Serena: morti due pazienti del chietino

Si tratta di due pazienti ricoverati nel reparto psichiatrico, originari rispettivamente di Vasto e Roccamontepiano. Il rogo è divampato in serata all'interno della clinica privata a Città Sant'Angelo

foto Ansa

L'inferno nella clinica privata Villa Serena di Città Sant'Angelo e due vittime, entrambe originarie del chietino.

Si tratta di due uomini: D.D.C. 52enne nato a Vasto ed A.P. 63 anni di Roccamontepiano. Entrambi non deambulanti, si trovavano nella struttura indipendente della clinica, denominata "Armonia", quando ieri sera è scoppiato l'incendio. 

Le fiamme si sono propagate poco dopo le 21 nel reparto Psichiatrico, nella stanza dove si trovavano le vittime assieme ad un'altra persona, che è stata tratta in salvo dal personale sanitario. Gli altri due ricoverati invece sono morti carbonizzati. Per loro non c'è stato scampo.

Non risultano altri feriti o intossicati. Un sessantina le persone evacuate nell'area interessata dal rogo le cui cause sono ancora da accertare.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco da Pescara e Montesilvano, i carabinieri e il sindaco di Città Sant'Angelo. 

Potrebbe interessarti

  • Come Angelina Jolie, anche alla Asl di Chieti si può fare il test genetico per i tumori al seno e all'ovaio

  • All'ospedale di Chieti nasce "Spazio mamma", per prevenire e curare la depressione in gravidanza

  • Sushi a Chieti: 6 locali da non perdere

  • Birre artigianali a Chieti: 3 locali per veri intenditori

I più letti della settimana

  • Moto contro furgone lungo la Tiburtina: muore centauro teatino

  • Si è spento a 56 anni Gaetano Bellia: la camera ardente in azienda

  • Dramma a Fara San Martino, massi si staccano e colpiscono gruppo di escursionisti: donna in coma

  • Inseguimento da film sull'Asse attrezzato, la polizia sperona l'auto rubata per bloccare i fuggitivi

  • La rivelazione del direttore artistico di radio Deejay: "Se mi chiamo Linus è merito di un professore di Chieti"

  • Scontro fra auto e moto, ferito seriamente un motociclista

Torna su
ChietiToday è in caricamento