Incendio discarica, Wwf: "L'ennesimo rogo annunciato"

La presidente della sezione di Chieti-Pescara, Nicoletta Di Francesco, punta il dito contro chi, nonostante l'area fosse sequestrata dal 2009, non si è interessato alla questione, e contro chi non ha sistemato la strada causando i ritardi nelle operazioni di spegnimento

“Non contiamo più gli incendi delle discariche, abusive e non, innescati quasi tutti nella notte tra sabato e domenica o comunque in giornate festive, quando l’Arta non ha reperibilità ed è più difficile scoprire che cosa esattamente stia bruciando e quali sostanze siano presenti nei fumi”. È la denuncia di Nicoletta Di Francesco, presidente del Wwf Chieti-Pescara.

“Non li contiamo più – dichiara - perché ci rendiamo conto che è inutile farlo visto che quel che è accaduto in passato non è servito a nulla, neppure come esperienza per favorire una gestione responsabile e più efficace delle emergenze. Eppure c’era da aspettarselo. La discarica, già sequestrata nel 2009, è tornata al centro dell’attenzione qualche giorno fa grazie a una serie di articoli partiti come scoop giornalistico e che hanno forse innescato una reazione che prima o poi avrebbe rischiato di… finire in fiamme, come ci insegnano esperienze passate e come è puntualmente avvenuto C’è da aggiungere, problema su problema, che i Vigili del Fuoco – lo sappiamo con certezza perché due guardie volontarie WWF erano sul posto – hanno avuto seri problemi per avvicinarsi al rogo a causa della strada da tempo bloccata da una frana”.

La presidente del Wwf ha le idee precise sulle responsabilità di quanto accaduto la scorsa notte a Colle Marconi: “La responsabilità è anche di chi non si è più interessato in questi anni e dopo le recenti segnalazioni sulla presenza di quel deposito illegale, degli amministratori che non sono intervenuti né per il ripristino della strada né per la bonifica del territorio. Il sindaco, primo responsabile della tutela della salute della comunità, che cosa ha fatto? Si è interessato del problema? Dal 2008, quando ci furono ripetuti incendi in Val Pescara, il WWF denuncia la mancata reperibilità dell’Arta nei giorni festivi: i tecnici che intervengono lo fanno a titolo di volontariato. Ma è assurdo che la sicurezza dei cittadini debba essere affidata soltanto alla buona volontà degli operatori”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E puntano il dito contro il sindaco Umberto Di Primio: “E’ gravissimo che le informazioni ai cittadini arrivino con tempi inconcepibilmente lunghi: eventuali ordinanze di divieto hanno bisogno del supporto di dati certi, ma il principio di precauzione imporrebbe di dare consigli (ad esempio quello di tenere le finestre chiuse e di non mangiare eventuali alimenti esposti ai fumi) in pochi minuti e non a distanza di molte ore dal fatto. Infine vorremmo sapere: il Comune di Chieti ha un piano per gestire le emergenze?”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un male si è portato via il tenente Nicola Di Biase, aveva solo 27 anni

  • Fibromialgia: finalmente l'Abruzzo definisce le linee guida per diagnosi e trattamento

  • Si è spento Giuseppe Sigismondi, titolare della storica tabaccheria lungo corso Marrucino

  • A fuoco chiosco in piazza Garibaldi nella notte

  • Morì all'improvviso durante l'emergenza sanitaria: una messa per ricordare l'autista della Croce Gialla Cocco

  • Speleologi bloccati nella grotta a Roccamorice: trovato morto il terzo, un geologo dello Speleo club di Chieti

Torna su
ChietiToday è in caricamento