Pediatria: inaugurato il day hospital oncologico donato dalla onlus Di Gianvittorio

Per la prima volta in Abruzzo un'associazione benefica finanzia totalmente, per 320mila euro, un reparto di un ospedale pubblico. L'obiettivo è quello di ridurre la mobilità per la cura dei tumori solidi nei bambini: oggi ammonta al 65,6%

Taglio del nastro, questa mattina (giovedì 11 giugno), per il primo reparto di un ospedale abruzzese pubblico realizzato interamente da una onlus. Si tratta dell’Onco-ematologia pediatrica del Santissima Annunziata di Chieti, dove l’associazione Morgan Di Gianvittorio ha realizzato il day hospital.

Un lavoro da 320mila euro, durato 6 mesi, su una superficie di 400 metri quadrati. Ora, il reparto è dotato di due sale per le terapie infusionali e oncologiche, ambulatori, ludoteca, pareti dai colori pastello e decorate con immagini e disegni adatte ai più piccoli. Tutto è a misura di bambino in un luogo che nasce dalla precisa volontà di offrire cure adeguate ai malati oncologici in regime di day hospital, soprattutto nella fase diagnostica, sviluppando una efficace sinergia anche con l’Ematologia di Pescara.

Ad inaugurare la prima collaborazione di questo genere fra privato e pubblico il direttore generale della Asl Francesco Zavattaro, il presidente della onlus Giacinto Di Gianvittorio e il tecnico Dino Orgoretti, che si è occupato della direzione lavori.

Il nuovo reparto potrebbe ridurre considerevolmente la mobilità nella cura dei tumori non solidi nei bambini: oggi il 65,6% dei piccoli pazienti va a farsi curare fuori. “Desideriamo – ha detto Zavattaro – offrire la possibilità di un’assistenza a tutto tondo a questi pazienti e alle loro famiglie,  attraverso personale specializzato e qualificato e un ambiente pensato per rendere la permanenza in ospedale meno disagevole e ostile. La Clinica Pediatrica dell’ospedale di Chieti ha sempre trattato questi bambini, solo che mancavano spazi adeguati per concretizzare quell’idea di accoglienza e presa in carico secondo le caratteristiche di umanizzazione  da cui non si può prescindere se si mira a servizi di qualità”.

La onlus che ha finanziato e progettato l’opera esiste dal 1996 ed è nata con l’obiettivo di sostenere la ricerca per la cura dei tumori e delle leucemie. Non ha nascosto la commozione il presidente Di Gianvittorio: “Abbiamo raggiunto questo obiettivo – ha detto - grazie al prezioso impegno dei volontari e di quanti ci hanno sostenuto nella nostra raccolta fondi, ma un ringraziamento va anche al Direttore generale di questa Asl, che ha creduto in noi offrendo la massima collaborazione”.

L’area sarà operativa entro fine settembre, quando sarà completata la direzione di letti e di apparecchiature. Inoltre, arriverà un altro medico specializzato in Oncologia pediatrica, che lavorerà esclusivamente nel day hospital.

Dopo il gesto di grande generosità della onlus, alla Asl sono arrivate nuove offerte di sostegno economico, per l’ampliamento degli ambulatori pediatrici, che andranno nel corridoio attiguo ai locali della ex direzione generale, al VII livello del “SS. Annunziata”, appena ristrutturati per accogliere il day hospital oncologico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fibromialgia: finalmente l'Abruzzo definisce le linee guida per diagnosi e trattamento

  • Un male si è portato via il tenente Nicola Di Biase, aveva solo 27 anni

  • Si è spento Giuseppe Sigismondi, titolare della storica tabaccheria lungo corso Marrucino

  • A fuoco chiosco in piazza Garibaldi nella notte

  • Morì all'improvviso durante l'emergenza sanitaria: una messa per ricordare l'autista della Croce Gialla Cocco

  • Speleologi bloccati nella grotta a Roccamorice: trovato morto il terzo, un geologo dello Speleo club di Chieti

Torna su
ChietiToday è in caricamento