Gissi: Canali rischia la chiusura, l'appello di Smargiassi

Le lavoratrici sono in sciopero da due giorni e il consigliere 5 stelle chiede interventi concreti per la Val Sinello

Rischia di chiudere la Canali di Gissi, dove le lavoratrici due giorni fa si sono messe in sciopero contro l’eventualità di perdere il posto di lavoro. 

E il consigliere regionale Pietro Smargiassi lancia l’allarme sulla crisi della Val Sinello, accusando l’attuale governo regionale di D’Alfonso e quello precedente di Chiodi di non aver posto “in atto misure in grado di contrastare questa situazione”. 

“Un’area, quella del Val Sinello - dice - ribattezzata la Valle della morte da un punto di vista lavorativo e che rappresenta l’emblema, uno dei tanti, di come il vastese al momento non sia nell’agenda e nei pensieri della giunta D’Alfonso come del resto non lo era in quelli della giunta Chiodi”.

Smargiassi chiede “azioni concrete” che puntino al rilancio dell’area della Val Sinello. “L’aiuto ed il supporto ai dipendenti della Canali sia lo spunto, il pretesto, da cui ripartire per una nuova stagione positiva dell’industria vastese".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sentenza storica per gli ex militari transitati all'impiego civile: accolta la tesi del legale teatino Pierluigi Abrugiati

  • Lutto nella sanità abruzzese: si è spenta la dottoressa Mariangela Bellisario

  • Un abruzzese nell'inferno di Wuahn in quarantena per il virus cinese

  • L'infermiere era costretto a mansioni da Oss: condannata l'azienda sanitaria

  • Coronavirus: la circolare del Ministero della Salute per non contrarre il virus cinese

  • In tribunale con gli screenshots delle conversazioni della moglie per provare il tradimento ma viene denunciato

Torna su
ChietiToday è in caricamento