Garza nell'addome: a giudizio sette medici del "Renzetti"

Processo per omicidio colposo il prossimo 11 ottobre per sette tra medici e infermieri del reparto di Urologia di Lanciano. Nel 2008 durante un'operazione lasciarono una garza nell'addome di un uomo, che morì due anni dopo

Buio sul reparto di Urologia del "Renzetti" di Lanciano. A giudizio sette persone tra medici e infermieri per omicidio colposo.

Lo ha stabilito il Gup del Tribunale di Lanciano, Francesca Del Villano Aceto, in relazione alla morte di Vincenzo Papaleo, 72 anni, della provincia di Catanzaro. L'uomo venne operato nel 2008 nel nosocomio frentano: in quella circostanza qualcunò lasciò una garza nel suo addome. Due anni dopo morì a Catanzaro. Secondo l'accusa le condizioni di Papaleo si sarebbero aggravate proprio a causa di quella garza.

Il processo è stato fissato per il prossimo 11 ottobre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dai tavoli de "La Pecora Nera" al cinema per adulti: il primo film di Marilena Di Stilio

  • C'è crisi ma non si trovano i lavoratori da assumere: a Chieti e provincia mancano venditori, camerieri e camionisti

  • Morto l'uomo caduto all’interno della scala mobile di Chieti

  • Coronavirus: 17enne in isolamento all'ospedale di Vasto, è appena tornata da Padova

  • Anffas Chieti in lutto: è morta la presidente Gabriella Casalvieri

  • Da Francavilla ad "Avanti un altro", Al Di Berardino conquista Bonolis: "Per me ha già vinto!"

Torna su
ChietiToday è in caricamento