Riciclavano pannelli fotovoltaici rubati in Abruzzo e Campania: un arresto e otto denunce

Un 40enne di Civitaluparella è finito agli arresti domiciliari con l'accusa di ricettazione e riciclaggio in concorso di pannelli solari e fotovoltaici, mezzi industriali e motori d'auto

Si è conclusa con un arresto e otto denunce l'indagine avviata a fine 2016 dai carabinieri della stazione di Bomba e dai carabinieri del Nor di Atessa tes a disarticolare un sodalizio criminale responsabile di reati contro il patrimonio nelle province di Chieti, L'Aquila e Salerno.

Questa mattina G.C., 40enne di Civitaluparella, è finito agli arresti domiciliari con l'accusa di ricettazione e riciclaggio in concorso con altre otto persone, di pannelli solari e fotovoltaici, mezzi industriali e motori d'auto. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le indagini erano partite a dicembre 2016, dopo il recupero a Bomba di un escavatore rubato a Salerno. I carabinieri successivamente hanno recuperato e resituito ai proprietari quattro escavatori, un camion e 250 pannelli fotovoltaici per un valore di 200 mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e i modi per tutelarsi dal contagio

  • L'infettivologo: "Aspettiamoci 2-3mila casi in Abruzzo. Fine di questa fase? Almeno altre 4-6 settimane"

  • Covid-19, il laboratorio dell'Ud'A di Chieti pronto per eseguire i test: si parte con gli operatori sanitari

  • Coronavirus: altri sei morti in Abruzzo, due erano della provincia di Chieti

  • Se ne è andata la professoressa Lea Curti Pancella

  • Coronavirus: 116 nuovi casi in Abruzzo, 40 in provincia di Chieti

Torna su
ChietiToday è in caricamento