Finge una rapina per non restituire i soldi all'azienda, denunciato

Un agente di commercio di Castel Frentano chiamò il 113 sostenendo di essere stato aggredito e minacciato da 3 malviventi, che gli avevano portato via più di 20mila euro, ricavato delle consegne. In realtà, li aveva usati per le sue spese personali

Ha finto di essere stato rapinato perché non poteva restituire all’azienda il ricavato delle consegne. Per questo un agente di commercio di Castel Frentano è stato denunciato per simulazione di reato. La scorsa settimana l’uomo aveva chiamato il 113, raccontando di essere stato fermato da tre uomini con accento straniero a bordo di un furgone sulla provinciale Lanciano-San Vito.

Qui, sempre stando a quanto riferito agli agenti, sarebbe stato minacciato e derubato delle merce e derubato di contanti per oltre 20mila euro. Il racconto, però, sin dall’inizio presentava punti poco chiari. Di fronte alle domande incalzanti degli investigatori, l’uomo ha ammesso di aver speso i soldi della merce consegnata per saldare alcuni pagamenti personali. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Facevano la spesa senza passare dalla cassa: denunciata una famiglia, c'è anche un minorenne

  • Cronaca

    Formula Ambiente: nessuna certezza sugli stipendi, confermato lo stato di agitazione

  • Economia

    Reddito di cittadinanza, l'appello degli ex lavoratori dei centri per l'impiego: "Ci sono già le professionalità adatte"

  • Economia

    La Fondazione Chieti incorporata in quella del Banco di Napoli per rilanciare la cultura

I più letti della settimana

  • Ex campione di atletica leggera muore lanciandosi dalla finestra dell'ospedale: la procura apre un'inchiesta

  • Si è spento all'improvviso Claudio Micomonaco, impiegato del Comune di Chieti

  • Il ponte che collega Cepagatti a Chieti è pericoloso: scatta la chiusura

  • Se n'è andato Nicola Sebastiani, il "papà" del Piccolo Teatro dello Scalo

  • Nasce una nuova piazza a Chieti Scalo, con 34 stalli di sosta e illuminazione a led

  • Acqua di pozzo per la produzione di conserve e condizioni igieniche precarie: stop all'attività di una ditta

Torna su
ChietiToday è in caricamento