Febbo: "Danno erariale per nomina direttore amministrativo Asl"

Il presidente della commissione di Vigilanza aveva già documentato che la Di Pietro non ha i requisiti adatti per quel ruolo

Interrogazione firmata dal presidente della commissione di vigilanza Mauro Febbo all'indirizzo del governatore Luciano D'Alfonso contro la nomina a direttore amministrativo della Asl Lanciano-Vasto-Chieti di Sabrina Di Pietro, che non avrebbe i requisiti adatti a ricoprire tale ruolo.

“Sono sorpreso del comportamento della direzione sia aziendale sia regionale - commneta Febo -  che di fronte a fatti così eclatanti rimangono inerti ed indifferenti, poi vorrei capire se qualcuno abbia preso atto e coscienza di quanto da me denunciato e documentalmente provato, e quindi quali provvedimenti si intendono intraprendere nei confronti di chi non abbia tutelato l’azienda sanitaria omettendo di verificare, prima e dopo il mio intervento, la sussistenza dei requisiti dichiarati dalla dottoressa Di Pietro? Infatti, ciò è avvenuto nonostante avessi inviato, in qualità di presidente della Commissione di Vigilanza, una nota ufficiale per chiedere l’attestazione dei requisiti alla quale però la direzione della Asl ha fornito una risposta insufficiente, affatto chiarificatrice e non rispondente a quanto richiesto. Un atteggiamento che dimostra superficialità e pressapochismo da parte della direzione stessa che se inizialmente può essere stata tratta in errore dal curriculum 'fuorviante', a seguito della richiesta del sottoscritto sarebbe dovuto sorgere qualche dubbio. Bastava alzare il telefono e chiedere all’assessorato regionale oppure utilizzare Internet e verificare che quella istituzione, dove la dottoressa Di Pietro ha lavorato, non è socio-sanitaria (cioè non è accreditata)".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Si chiede al presidente D’Alfonso - prosegue - se in mancanza dei requisiti, come del resto documentato, non si ritenga di annullare il provvedimento amministrativo di nomina adottato in violazione di legge ai sensi dell’art. 21-octis della Legge 7 agosto 1990, n.241. Contestualmente se si ritiene ci siano delle responsabilità amministrativo-contabile per procurato danno erariale in quanto la Asl 2 ha corrisposto somme in favore di soggetti che non ne avevano diritto e  visto il perdurare di questa situazione credo che ci siano tutti gli estremi per l’attivazione delle procedure”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e i modi per tutelarsi dal contagio

  • L'infettivologo: "Aspettiamoci 2-3mila casi in Abruzzo. Fine di questa fase? Almeno altre 4-6 settimane"

  • Scontro auto-tir in via Aterno, 40enne in gravi condizioni

  • Covid-19, il laboratorio dell'Ud'A di Chieti pronto per eseguire i test: si parte con gli operatori sanitari

  • Coronavirus: altri sei morti in Abruzzo, due erano della provincia di Chieti

  • Scontro tra un' auto e un tir in via Aterno, un uomo è rimasto ferito

Torna su
ChietiToday è in caricamento