Falsi incidenti stradali, autovetture intestate a prestanomi e targhe casuali: 25 indagati

L'operazione della Polstrada nel Chietino. Il modus operandi era sempre lo stesso: veniva presentata all’assicurazione una finta denuncia di incidente stradale, spesso con la complicità di falsi testimoni compiacenti

Il modus operandi era sempre lo stesso: veniva presentata all’assicurazione una finta denuncia di incidente stradale, spesso con la complicità di falsi testimoni compiacenti e con la collaborazione i studi legali altrettanto compiacenti. La Polizia Stradale della provincia di Chieti  - distaccamento di Lanciano ha scoperto svariati falsi incidenti stradali, centinaia di certificati medici falsificati, danni materiali simulati sui veicoli e decine di testimonianze false.

Una complessa attività investigativa inziata già dai  primi mesi del 2018.

L’indagine, coordinata durante le fasi preliminari dalla Procura di Lanciano e poi trasferita per competenza territoriale alla Procura di Pescara, ha avuto origine da una serie  denunce presentate dalle compagnie di assicurazioni, le quali si erano insospettite da un aumento esponenziale di richieste di risarcimento danni, a causa di alcuni incidenti che sin da subito si presentavano dubbi.


Operazione falsi incidenti stradali: il modus operandi 

L’incidente veniva simulato con autovetture intestate a prestanomi o, in alcuni casi, indicando targhe di autovetture prese a caso e intestate quindi a persone ignare di tutto. Il tutto poi passava in mano al legale, che, anche attraverso false testimonianze, presentava denuncia di sinistro all’assicurazione riuscendo ad ottenere, in vari casi, notevoli risarcimenti. L’organizzazione era talmente strutturata tale da essere in grado di esibire anche falsi certificati medici, alterando o falsificando certificati medici autentici.

In alcuni casi sono stati presentate anche false denunce di furti d’auto, sempre allo scopo di ottenere il risarcimento da parte della compagnia assicurativa.

Da qui la necessità di approfondire l’attività investigativa, durata diversi mesi svolta in maniera incessante dagli uomini del distaccamento Polizia Stradale di Lanciano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel periodo che va dal 2012 al 2018 sono stati scoperti più di 30 falsi incidenti in vari punti della Provincia di Chieti: Chieti Scalo, Lanciano, Ortona e Francavilla. Le indagini hanno permesso di accertare anche la connivenza di alcuni periti assicurativi “infedeli”, i quali davano i “giusti consigli” al fine di ottenere i risarcimenti dalle compagnie assicurative
 
Venticinque in totale gli indagati per associazione a delinquere finalizzata alla truffa (nei confronti delle compagnie assicurative) e al falso. Tra questi  un perito assicurativo,  un avvocato di Pescara e un altro avvocato ma radiato dall’albo.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dolore e sgomento per la morte di Ottavio De Fazio, il motociclista caduto durante un'uscita

  • Impiegata positiva al Covid-19, chiude ufficio postale di Francavilla al Mare

  • Schianto mortale lungo la Tiburtina: motociclista di Chieti perde la vita

  • In Abruzzo arrivano i Condhotel, stanze d'albergo vendute ai privati

  • Smantellata la rete che riforniva di droga la provincia di Chieti: arrestate 13 persone

  • SpaceX sui cieli di Chieti: emozione per il lancio della navicella nello spazio

Torna su
ChietiToday è in caricamento