Serata da Arancia Meccanica allo Scalo: fermati due 19enni violenti

Due uomini picchiati, auto danneggiate, una cittadina minacciata per aver chiamato i carabinieri: la nottata di follia è finita in caserma

Senza alcun motivo, si sono scagliati con violenza contro due persone che non conoscevano, facendole finire in ospedale, e devastando le automobili parcheggiate. Due giovanissimi di 19 anni, di Chieti Scalo, sono stati fermati dai carabinieri dopo una nottata di follia e violenza nella città bassa, in via Gissi. 

Come racconta il quotidiano Il Centro, i due sono stati denunciati per lesioni personali, danneggiamento e minaccia. Nella notte fra venedì e sabato, prima hanno aggredito un uomo di 34 anni, prendendo a calci la sua macchina e poi picchiandolo. 

Dopodiché, si sono scagliati contro un 27enne, che ha rimediato la frattura della mandibola. Nel frattempo, hanno iniziando a prendersela con le auto parcheggiate e, quando una residente si è affacciata per capire cosa stesse succedendo e ha telefonato il 112, i giovanissimi hanno iniziato a minacciarla. 

Fortunatamente, la cittadina non si è lasciata intimidire dai due violenti, facendo arrivare sul posto i carabinieri, che hanno individuato i due e li hanno portati in caserma. 

Le due vittime del pestaggio se la caveranno: entrambi hanno fatto ricorso alle cure del Santissima Annunziata, da cui sono stati dimessi con una prognosi di una settimana e di un mese. Ma, di certo, sarà indelebile la paura per essere stati vittime di quella follia.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tremendo schianto in A14: muore Alessandro Berloni, manager della Fox Petroli

  • Scacco allo spaccio di droga: quattro in manette, sette indagati

  • Auto si ribalta in curva: arrivano i vigili del fuoco per estrarre il conducente dalle lamiere

  • Alcol e droga, strage di patenti: la Polstrada ne ritira 8 in una notte

  • La Nottata lancianese e la notte bianca dello Scalo: il programma del weekend

  • Operazione Tallone d'Achille: giovanissimi facevano il pieno di droga prima delle notti in discoteca

Torna su
ChietiToday è in caricamento