Daniele Dell'Osa: da Chieti al National Geographic immortalando gli animali più rari

Il fotografo teatino torna nella sua città per esporre i suoi scatti più belli dei viaggi in giro per il mondo

Il teatino Daniele Dell’Osa, 31 anni, viaggiatore appassionato di fotografia, torna nella sua città con una mostra fotografica in cui esporrà i suoi scatti più belli realizzati in giro per il mondo. Daniele ha 31 anni, è originario di Chieti e le sue foto hanno una particolarità: i soggetti immortalati nei suoi scatti sono gli animali più particolari del pianeta, dai canguri e koala dell’Australia ai tucani, bradipo e colibrì della Costa Rica, dal pesce pagliaccio in Indonesia all’orango-tango della Malesia, dai cammelli e il deserto del Marocco alla schiusura delle uova della tartaruga “olivacea” in Playa Ostional in Costa Rica, unico posto al mondo dove avviene questo fenomeno.

Particolarità, questa, che gli ha permesso di ritagliarsi uno spazio di prestigio sulla nota rivista National Geographic, dove a gennaio scorso è stato pubblicato un suo scatto, ovvero la raganella occhi rossi fotografata nel parco nazionale del Vulcano Arenal in Costa Rica.

Sono quattro le esposizioni abruzzesi di Dell'Osa. A Chieti si potranno ammirare le sue foto mercoledì 15 maggio, al The Old Fashioned Cocktail Bar, con “Viaggi & Natura”, esposizione che avverrà nel locale di uno dei più cari amici di infanzia di Daniele, Nicola Minniti.

Così si racconta il fotografo teatino: 

La mia passione per gli animali è qualcosa che ho sin da piccolo quando con mio nonno guardavo le videocassette di documentari girati in tutto il mondo. Da lì la mia prima partenza, nel 2009, verso l’Austria. Andai a lavorare come lavapiatti, ero straniero in terra straniera ma con una consapevolezza che tutti dovrebbero avere: che qualsiasi cosa fatta con passione sia possibile. Da quel momento in poi non mi sono più fermato, deciso a sostenermi economicamente con qualsiasi lavoro pur di realizzare il mio sogno, ovvero viaggiare e fotografare le ricchezze del pianeta.

Poi fu la volta dell’Australia, dove ha imparato il mestiere di pizzaiolo ed è rimasto per quattro anni e mezzo, della Svizzera e poi di nuovo dell’Austria, fino al conseguimento a dicembre scorso della qualifica di accompagnatore turistico.

Ricordo ancora il mio primo viaggio a caccia di scatti di animali rari: lo feci in solitaria e girai in due mesi e mezzo la Thailandia, l’Indonesia, la Malesia e lo Sri Lanka, avevo solo un borsone e una macchina fotografica compatta. Ero talmente appassionato da quello che vedevo e immortalavo che in quel momento dissi a me stesso che da lì in avanti mi sarei dedicato completamente alla fotografia. E ora torno nel mio Abruzzo con quattro esposizioni che mi concederanno il privilegio di condividere con la mia terra le emozioni provate in giro per il mondo.

Locandina Chieti-2

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Al Comune di Ortona concorso pubblico per sette posti a tempo indeterminato

  • Schianto nel cuore della movida dello Scalo: automobile travolge una moto

  • La migliore colazione è a Chieti, premiata l'eccellenza di Manuela Bascelli

  • Casoli, il mezzo agricolo gli trancia la gamba: agricoltore muore dissanguato

  • Va a prendere il figlio a scuola e viene investito in pieno centro

  • Sequestro dei macchinari dopo l'incidente mortale sul lavoro, blocco forzato alla Sevel

Torna su
ChietiToday è in caricamento