Concessioni balneari tra la stazione di Tollo e Ortona, la Soprintendenza: "Si tuteli l'habitat naturale"

La spiaggia delle dune. La Soprintendenza prende posizione e si mette al fianco del Comune di Ortona per la conservazione integrale

la soprintendente Rosaria Mencarelli

La Soprintendenza archeologia belle arti e paesaggio dell’Abruzzo interviene sulle nuove concessioni balneari predisposte dal Comune di Ortona nel tratto di spiaggia antistante la stazione di Tollo auspicando al più presto la revisione del piano demaniale di Ortona, vigente dal 2011. L'obiettivo è la conservazione integrale dei tratti di costa con caratteristiche di naturalità come quelle dunali nell’area della stazione di Tollo e della regolamentazione di quelli oggi già interessati da concessioni. “A tale scopo - afferma la dottoressa Rosaria Mencarelli - la Soprintendenza si mette a disposizione completa dell’amministrazione comunale di ortona”.

Il tratto di spiaggia limitrofo alla stazione di Tollo costituisce una delle residuali zone di spiaggia priva di antropizzazione, che non a caso ha spinto negli ultimi anni l’uccello fratino a nidificare, al pari di aree similari quali il Borsacchio, Cerrano, Marina di Vasto, Lecceta di Torino di Sangro. E’ infatti proprio il basso impatto antropico a favorire la rivitalizzazione di quel sistema dunale delle spiagge che in passato rappresentava una componente estesa e qualificante della costa abruzzese.

La soprintendente ricorda che l’effetto cumulo generato dalla massiva occupazione delle coste limitrofe ha già generato una alterazione radicale dei cicli biologici naturali dell’arenile. "In questo senso, va ripensato in toto il tema del turismo di tali ambiti, da orientare verso una fruizione discreta dei luoghi, esaltandone la valenza naturale e non artificiale, evitando l’inserimento di ulteriori funzioni rispetto alle quali la spiaggia non ha alcuna vocazione intrinseca (piscine, pavimentazioni estese, ombreggiamenti, opere di urbanizzazione, già massicciamente presenti sulla costa abruzzese e senza logiche distributive razionali)".

“Per l’ambito paesaggistico tra il fiume Foro e il lido Riccio - aggiunge la soprintendente Rosaria Mencarelli - si dovrà pensare a programmi di tutela dell’habitat e di valorizzazione per mezzo di percorsi naturalistici, anche attrezzati, capaci di orientare il turismo verso frontiere alternative e sostenibili”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Dipendente di Teateservizi minaccia di darsi fuoco, il sindaco: "Gesto da condannare, la soluzione c'era"

  • Cronaca

    Incendio in un appartamento: anziano di Chieti muore soffocato dal fumo

  • Cronaca

    Ragazzino morso dal suo cane: "È stata una reazione all'anestesia, è un esemplare addestrato per la ricerca di persone"

  • Sport

    Chieti capitale dello sport: corsa, duathlon, nuoto invadono la città fino al 9 giugno

I più letti della settimana

  • Muore a 59 anni nello scontro della sua moto contro un'auto: ecco chi era la vittima

  • Scossa di terremoto nel chietino all'alba

  • Muore sul raccordo autostradale di ritorno da un viaggio con la famiglia

  • Fondo Valle Alento, disposti i prossimi controlli elettronici alla velocità

  • Si scambiano cocaina davanti al centro commerciale, ma vengono sorpresi dai carabinieri: un arresto

  • Incendio a Villa Serena: morti due pazienti del chietino

Torna su
ChietiToday è in caricamento