Famiglia con quattro chili di cocaina a bordo arrestata a Brecciarola

La coppia viaggiava in auto con due figli minorenni, i panetti di droga erano stati abilmente nascosti nell'abitacolo. I due sono finiti in carcere

I militari della Compagnia Guardia di Finanza di Pescara hanno arrestato due coniugi italiani trovati in possesso di oltre 4 chili di cocaina. La famiglia, che viaggiava a velcoità piuttosto sostenuta con due figli minorenni in auto, era stata intercettata in zona Pescara Nord. I finanzieri hanno seguito l'automobile sospetta fino a Brecciarola, dove sono riusciiti a bloccare il mezzo.

Le unità cinofile hanno trovato la cocaina in auto

Nel corso del controllo, il conducente non ha esitato a esibire una modica quantità di hashish detenuta dal coniuge nella speranza, evidentemente, di superare il controllo, ammettendo il mero possesso ai fini personali. Ma lo stratagemma non ha ingannato i finanzieri i quali, ancor più insospettiti, anche alla luce dei precedenti specifici riscontrati a carico del conducente, hanno chiesto l’ausilio di due unità cinofile.

I cani hanno consentito in breve tempo il rinvenimento di due panetti di cocaina occultati all’interno del mezzo, in un vano appositamente creato nella struttura dell’abitacolo. Altri due panetti sono stati trovati successivamente, per un peso complessivo di poco più di 4 chili.

Per la coppia di genitori sono aperte le porte carcere, al momento i figli sono stati affidati ai parenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, famiglie in isolamento a Pescara dopo contatti con contagiati

  • Dai tavoli de "La Pecora Nera" al cinema per adulti: il primo film di Marilena Di Stilio

  • Coronavirus, riunione operativa in Regione: obbligo di isolamento per chi ha avuto contatti con le zone rosse

  • Coronavirus: 17enne in isolamento all'ospedale di Vasto, è appena tornata da Padova

  • Anffas Chieti in lutto: è morta la presidente Gabriella Casalvieri

  • Coronavirus, l'ordinanza della Regione Abruzzo: chi torna da zone a rischio deve comunicarlo al medico

Torna su
ChietiToday è in caricamento