Chieti solidale: Natale senza denari per i lavoratori

I sindacati: "Il Comune non trasferisce i fondi dovuti per i servizi svolti, il credito dell'Azienda nei confronti del Comune aumenta sempre di più e non c'è ancora nessuna traccia della nuova Srl"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ChietiToday

Natale senza denari: è quello che, presumibilmente, si accingono a passare le lavoratrici e lavoratori della Chieti Solidale. Nonostante le numerose sollecitazioni e pressioni, da parte delle sigle sindacali Usb, Cgil, Confasl, a predisporre per tempo i mandati di pagamento degli stipendi gli stessi ad oggi, 21 dicembre, non sono ancora in pagamento.

L'incertezza regna sovrana, il Comune non trasferisce i fondi dovuti per i servizi svolti, il credito dell'Azienda nei confronti del Comune aumenta sempre di più (circa 5 milioni di euro) e non c'è ancora nessuna traccia della nuova Srl: non è stato nominato il nuovo Consiglio di Amministrazione, non è stato ancora variato lo Statuto della stessa per poter nominare un direttore, non è stata ancora iscritta la società nel Registro delle Imprese, non ancora viene mostrato, nonostante le nostre ripetute richieste, il piano industriale e finanziario della nuova Società, ed a questo punto non sappiamo se effettivamente esiste; girano ancora voci sulla presunta vendita della Farmacia mantenendo in costante apprensione il personale interessato.

Nel frattempo i servizi sono ancora ridotti, il trasporto scolastico è sospeso, gli asili non ci sono, tutto resta nel vago e le lavoratrici e lavoratori, oltre che la cittadinanza, ne pagano le conseguenze. Tutto ciò è inaccettabile e non degno della nostra Città. Invitiamo, chi di dovere, a predisporre immediatamente il pagamento delle spettanze entro lunedì 24 dicembre, mentre invitiamo alle dimissioni immediate chi sulla pelle del personale dell'Azienda, sui cittadini assistiti e sulle finanze della stessa Azienda sta maldestramente manovrando al solo scopo di mantenere le poltrone occupate.

USB PI CGIL FP CONFSAL FP F.to Silvio Di Primio Giuseppe Rucci Smeraldo Ricciuti

Torna su
ChietiToday è in caricamento