Arrestati ladri di auto in centro storico: sequestrati attrezzi da scasso

Fermati in piazza Rocchetti due cittadini romeni. Utilizzavano una centralina clonata

Arrestati i ladri che rubavano le auto in centro storico. I carabinieri del nucleo operativo e radiomobile di Chieti hanno fatto scattare le manette in piazza Rocchetti, nei pressi di via Arniense e della cattedrale di San Giustino. I due fermati sono cittadini romeni: V. S. G., 22 anni, e S. P. 25 anni.

Arrivati sul posto a bordo di una Fiat Panda rubata, carica di attrezzature per assaltare le macchine, compresa una centralina clonata, erano pronti rubare una Daewoo Matiz. Ma gli uomini della tenente Maria Di Lena, impegnati in un servizio di pattugliamento, li hanno scoperti facendo saltare il loro piano.

L'intervento è avvenuto ieri notte intorno alle 2.30. I militari avevano notano due persone accovacciate dietro una Fiat Panda di colore blu con le portiere laterali di destra aperte, in sosta vicino a una Matiz e una Citroen C3.

Un episodio che ci era stato segnalato proprio dal proprietario della seconda auto, testimone dell’intervento, che aveva voluto ringraziare pubblicamente i carabinieri di Chieti “per la  professionalità dimostrata e, soprattutto, per questo provvidenziale intervento”.

I due uomini alla vista dei carabinieri hanno provato a dileguarsi ma sono stati subito fermati.  Entrambi finiscono in manette per tentato furto aggravato, ricettazione e possesso ingiustificato di attrezzi da scasso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sentenza storica per gli ex militari transitati all'impiego civile: accolta la tesi del legale teatino Pierluigi Abrugiati

  • Lutto nella sanità abruzzese: si è spenta la dottoressa Mariangela Bellisario

  • Un abruzzese nell'inferno di Wuahn in quarantena per il virus cinese

  • Coronavirus: la circolare del Ministero della Salute per non contrarre il virus cinese

  • L'infermiere era costretto a mansioni da Oss: condannata l'azienda sanitaria

  • In tribunale con gli screenshots delle conversazioni della moglie per provare il tradimento ma viene denunciato

Torna su
ChietiToday è in caricamento