Cervo in giardino in via Pomilio fa razzia di uva

L'animale è comparso lunedì pomeriggio in un giardino dove ha divorato un pergolato d'uva e fracassato qualche vaso di fiori, sotto gli occhi di un'intera famiglia

Una visita inaspettata che ha destato sorpresa, ma anche qualche preoccupazione quella di un cervo in via Fratelli Pomilio a Chieti Scalo. L’animale ha fatto la sua comparsa lunedì pomeriggio in un giardino di proprietà, dove ha divorato un pergolato d’uva e fracassato qualche vaso di fiori, sotto gli occhi dell’intera famiglia. “Era un esemplare adulto, con corna ben sviluppate e ramificate  – racconta Adriana D’Alessandro, che ha avuto l'incontro ravvicinato – mi dovevo ricordare anche l’incursione di un cervo alle porte di casa, quando dovrebbe starsene in un parco nazionale, visto che ne abbiamo tre in Abruzzo”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Qualcuno ha provato a segnalare la presenza al Corpo Forestale, ma senza riuscire a mettersi in contatto con qualche responsabile. Il cervo, che sembra aver gradito parecchio l’uva, potrebbe ripresentarsi in via Pomilio, augurandoci che la sua strada non incroci quella di un cacciatore. Sembra infatti che si stia già organizzando una squadra di cacciatori intenzionati a dare la caccia al’animale, che da alcuni giorni vaga nella Vallata della Pescara. Con molta probabilità il cervo si è allontanato da un’area protetta.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e i modi per tutelarsi dal contagio

  • Prorogate tutte le zone rosse: non si può entrare e uscire fino al 13 aprile

  • Coronavirus, in Abruzzo sono morte altre 10 persone

  • È scomparso ad Arielli il "poeta agricoltore" Tommaso Stella

  • Esce ubriaco nonostante il divieto e si schianta contro una centralina dell'Enel: arrestato

  • Coronavirus, morte altre 13 persone: ci sono anche due teatini e due uomini della provincia

Torna su
ChietiToday è in caricamento