A Lanciano multe a tappeto contro i padroni incivili

Controlli della polizia municipale, su mandato del sindaco: "Raccogliete sempre le deiezioni, anche nei suoli non pavimentati"

Controlli a tappeto in questi giorni a Lanciano nei confronti dei proprietari dei cani. La polizia municipale sta infatti verificando alacremente il rispetto delle norme che impongono l'iscrizione all'anagrafe canina, l'uso del guinzaglio e della museruola, nonché l'obbligo di portare con sé strumenti idonei alla raccolta delle feci, collegato al divieto di abbandono delle deiezioni.

Al momento, come riferiscono i vigili urbani, i risultati dei primi controlli sono confortevoli. “L’obiettivo dell’attività – chiariscono dal Comune - è sensibilizzare la cittadinanza al rispetto per gli animali e per l'ambiente, con l'auspicato obiettivo di un miglioramento delle condizioni di vivibilità delle strade e dei parchi pubblici, nonché della civile convivenza”.

Si ricorda che le sanzioni per la violazione delle norme in materia possono andare dai 77,00 euro, per l'omessa iscrizione all'anagrafe canina, ai 150,00 euro, per l'abbandono delle deiezioni, ma possono trasformarsi anche in sanzioni di natura penale allorché si riscontrino casi di maltrattamenti degli animali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il comandante della Polizia Municipale ha invitato a non lasciare mai i cani liberi, di qualunque razza o taglia, in luoghi frequentati o vicini alle strade, di portare sempre con sé una museruola da utilizzare all'occorrenza e di raccogliere sempre le deiezioni, anche nei suoli non pavimentati. “Si tratta – ha aggiunto - di semplici regole di buon senso, ancor più che norme di legge, il cui rispetto rende la Città più sicura per gli animali e per le persone e, certamente, più igienica per tutti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e i modi per tutelarsi dal contagio

  • Prorogate tutte le zone rosse: non si può entrare e uscire fino al 13 aprile

  • Coronavirus, in Abruzzo sono morte altre 10 persone

  • È scomparso ad Arielli il "poeta agricoltore" Tommaso Stella

  • Esce ubriaco nonostante il divieto e si schianta contro una centralina dell'Enel: arrestato

  • Coronavirus, morte altre 13 persone: ci sono anche due teatini e due uomini della provincia

Torna su
ChietiToday è in caricamento