Cucciolo di pastore abruzzese abbandonato lungo l'autostrada: ora cerca un padrone

Il cagnolino vagava da solo e impaurito lungo la A14 all’altezza di Vasto nord. A salvarlo gli agenti della polizia stradale

gli agenti con il cucciolo di pastore abruzzese

Vagava solo e spaventato lungo la A14, cambiando continuamente direzione e creando un serio pericolo per se stesso e per tutti gli automobilisti che in quel momento stavano percorrendo quel tratto di autostrada, all’altezza di Vasto Nord. Un cucciolo di pastore abruzzese, vittima della crudeltà di qualche padrone, ieri è stato tratto in salvo dalla polizia stradale dopo diverse segnalazioni degli automobilisti nel tardo pomeriggio di ieri, gli operatori di Polizia venivano affiancati da diversi automobilisti.

Quando gli operatori di polizia, giunti sul posto, si sono ritrovati davanti un bellissimo cucciolo di pastore abruzzese solo e spaventato non ci hanno pensato un attimo e caricarlo caricato in auto e portarlo presso la sottosezione di Polizia Autostradale di Vasto Sud.

Qui il cane è stato accudito dagli agenti e rifocillato in attesa dell’arrivo del veterinario che ne ha accertato l’ottimo stato di salute. Privo di microchip o altri elementi per riuscire a identificare il proprietario, essendo provvisto solo di un collare rosso, il pastore abruzzese è stato condotto al canile di Lanciano.

Ora si trova lì, in cerca di un nuovo padrone capace stavolta di dargli affetto e cure. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, famiglie in isolamento a Pescara dopo contatti con contagiati

  • Dai tavoli de "La Pecora Nera" al cinema per adulti: il primo film di Marilena Di Stilio

  • Coronavirus, riunione operativa in Regione: obbligo di isolamento per chi ha avuto contatti con le zone rosse

  • Coronavirus: 17enne in isolamento all'ospedale di Vasto, è appena tornata da Padova

  • Anffas Chieti in lutto: è morta la presidente Gabriella Casalvieri

  • Coronavirus, negativo il tampone sulla giovane ricoverata a Vasto

Torna su
ChietiToday è in caricamento