Il ministro per i beni culturali Bonisoli affascinato dalle terme romane: "Facciamo venire Alberto Angela"

Punta sulla promozione e la divulgazione il ministro, ieri in visita in città. E dal governo Vacca annuncia 3,5 milioni per i siti abruzzesi, buona parte dei quali verranno utilizzati per il recupero della Chieti romana

Il ministro per i Beni e le attività Culturali Alberto Bonisoli ieri durante il suo tour in Abruzzo con Sara Marcozzi ha visitato le terme romane di Chieti. Accompagnato dalla soprintendente Rosaria Mencarelli, il ministro si è soffermato sulle potenzialità del sito e sulla nascita del parco archeologico urbano. 

“Non è un problema di soldi – ha dichiarato Bonisoli davanti alle richieste della Soprintendenza -  i soldi per definizione non ce ne sono mai abbastanza. E’ un problema di idee: questa è la ragione per cui siamo qui. Stiamo dando una chance”. La soprintendente ha raccontato l’esperienza positiva e l’ottima risposta del pubblico durante le aperture straordinarie della scorsa estate.

“Con un minimo di segnaletica, di divulgazione, anche attraverso la Rai e il servizio pubblico, faremo conoscere questo posto – ha promesso ieri il ministro - Non è difficile. Basta avere qualcuno a cui interessi. Manderemo Alberto Angela: non sto scherzando. Abbiamo già lavorato con lui che è bravissimo a fare la divulgazione Se la gente non capisce non arriva”.

“E’ importante creare anche la giusta comunicazione – ha quindi osservato Mencarelli – dobbiamo programmare e permettere di fruire. Perché la valorizzazione senza la fruizione non serve. L’Abruzzo ha più di dieci aree archeologiche una più bella dell’altra. Purtroppo mancano i fondi anche per il taglio dell’erba. Noi ce la mettiamo tutta per andare avanti. Qui alle terme, ad esempio, il verde viene mantenuto da un’azienda. A Chieti abbiamo un’università che può offrirci giovani professionalità”. 

“L'Abruzzo – ha aggiunto Sara Marcozzi - è una regione a vocazione turistica, ricco di luoghi di grande rilevanza storica e paesaggistica che con il nostro programma vogliamo finalmente valorizzare e far conoscere nel mondo.Il governo nazionale è dalla nostra parte, così come il ministro Bonisoli che, insieme al sottosegretario Gianluca Vacca, sosterrà le nostre iniziative per dare all'Abruzzo il lustro che merita e che attende da tanti, troppi anni”.


1,5 milioni per il recupero della Chieti romana

Proprio ieri il sottosegretario ai beni culturali Gianluca Vacca ha annunciato altri 3 milioni e mezzo dal Mibac tra il 2019 e il 2020 per il recupero e la valorizzazione di alcuni siti abruzzesi. Le risorse saranno così assegnate: 1.700.000 euro per restauro, ridefinizione del sito e valorizzazione della Domus romana di Teramo (un milione nel 2019 e 700mila euro nel 2020); 300.000 euro (nel 2019) per il sito di Alba Fucens, destinati al completamento degli allestimenti del Museo archeologico; 1.550.000 euro (nel 2020) per il completamento del recupero e per la valorizzazione delle Terme romane, del teatro e dei tempietti di Chieti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Questi fondi – ha detto Vacca - non saranno gli unici: attraverso il recupero di risorse Cipe, lavoreremo infatti nei prossimi mesi per il rilancio dell'area di Corfinio. L'altra novità  riguarda l'aeroporto d’Abruzzo: con il presidente della Saga, la società che gestisce lo scalo, stiamo lavorando per allestire uno spazio dedicato alla promozione del patrimonio culturale abruzzese, come già avviene altrove. Una vetrina che consenta agli oltre 700mila passeggeri che transitano ogni anno nella nostra regione di conoscere subito quali tesori e quali bellezze offre l'Abruzzo, di avere informazioni, di acquistare i biglietti per siti e musei. Oggi -ha concluso Vacca - questo non c'è, né all'aeroporto né nelle  principali stazioni ferroviarie, ed è francamente assurdo''.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e i modi per tutelarsi dal contagio

  • Coronavirus: 116 nuovi casi in Abruzzo, 40 in provincia di Chieti

  • Coronavirus: dimesso dall'ospedale un paziente trattato con il farmaco sperimentale Tocilizumab

  • Coronavirus in Abruzzo, Marsilio: "Un pizzico di speranza dai dati dei nuovi contagi"

  • Coronavirus, in Abruzzo sono morte altre 10 persone

  • Diffondono il panico con il vocale su Whatsapp che accusa il commerciante: denunciati per procurato allarme

Torna su
ChietiToday è in caricamento