Blitz nel campo nomadi a Milano: arrestati i capi della banda, erano originari di Castel Frentano

Sei le ordinanze di custodia cautelare emesse nei confronti di altrettanti soggetti accusati di "associazione per delinquere finalizzata alla ricettazione"

foto NovaraToday

Blitz e arresti questa mattina in un campo nomadi di Milano da parte dei carabinieri di Novara, che hanno effettuato fermi e perquisizioni. Presi i capi di una banda di ladri: si tratta di sinti originari di Castel Frentano, in provincia di Chieti, residenti del campo rom di via Bonfadini.

In manette sono finiti l'uomo considerato il capo, un 67enne, suo figlio e un altro parente che erano strettamente legati a lui. Altre tre persone sono state arrestate sempre questa mattina, tutte con l'accusa di associazione a delinquere finalizzata alla ricettazione. Erano loro a "ripulire" e rimettere sul mercato i bottini conquistati durante i furti in casa tra Piemonte, Lombardia e Liguria.

I tre capi della gang sono stati catturati nel campo rom di Milano, gli altri tre arresti sono stati eseguiti a Novara.

L'operazione, denominata 'Prometeo', nei mesi scorsi aveva già portato all'arresto di 35 persone accusate di furti avvenuti sempre nel Nord Italia e di ricettazione Questa mattina alle sette i militari hanno circondato il campo rom a Milano, ritenuto la base della ricettazione tra le bande e hanno proceduto a sgominare la banda di ricettatori. Il giro d'affari prodotto è stato stimato in milioni di euro.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto in bilico sullo strapiombo, tragedia sfiorata in via della Liberazione

  • Poste Italiane assume portalettere anche a Chieti e provincia

  • A fuoco camion che trasportava agrumi: chiusa l'autostrada tra Francavilla e Chieti

  • Incidente in A14: nove mezzi coinvolti, tratto chiuso tra Francavilla e Chieti

  • La troupe della Rai gira sulla Majella per la trasmissione di Alberto Angela

  • Farmaci: arriva in Italia l'anti-diabete di ultima generazione

Torna su
ChietiToday è in caricamento