Ortona: un arresto e due denunce per ricettazione di rame

Un 39enne di Fossacesia è stato condannato per lesioni personali colpose e omissione di soccorso, mentre due cittadini di nazionalità romena sono stati denunciati a piede libero dopo aver rubato rame

I carabinieri della compagnia di Ortona ieri (31 gennaio) hanno tratto in arresto un 39enne di Fossacesia, G. C., in esecuzione dell’ordine di un carcerazione per pene concorrenti: l'uomo è stato condannato a 2 anni e 4 mesi di reclusione a Lanciano per lesioni personali colpose, omissione di soccorso e violazione di sigilli per fatti commessi nel 2007 e nel 2008. 

I militari, coordinati dal capitano Gianfilippo Manconi, nell'ambito di un'attività di prevenzione contro i furti nelle abitazioni e nei centri commerciali, hanno anche denunciato in stato di libertà due cittadini di nazionalità romena per furto di rame. I due, dopo essere stati intercettati e controllati dal personale della stazione carabinieri di Torino di Sangro, mentre erano a bordo di un furgone, sono stati trovati in possesso di 9 pezzi di rame rubati, ciascuno lungo quasi 3 metri, utilizzati per la realizzazione dei canali di gronda. Il materiale è stato sequestrato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Controlli capillari sono stati effettuati nei comuni di Casalbordino, Pollutri, Villalfonsina, Torino di Sangro e Fossacesia

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e i modi per tutelarsi dal contagio

  • Cosa non lavare mai in lavastoviglie, per stoviglie sempre perfette: l’elenco

  • Prorogate tutte le zone rosse: non si può entrare e uscire fino al 13 aprile

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi in Abruzzo: ci sono 78 nuovi casi

  • Francavilla in lutto per la scomparsa del tabaccaio Enzo Catelli

  • È scomparso ad Arielli il "poeta agricoltore" Tommaso Stella

Torna su
ChietiToday è in caricamento