Coronavirus no-stress: i consigli dell’Oms per contrastare l’ansia

L’Oms, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, ha delineato delle linee guida per riuscire a superare al meglio questo particolare periodo

Da tempo siamo ormai in casa, obbligati a non avere contatti ravvicinati con altre persone, a fare la spesa attendendo il proprio turno. Tutto questo per via del Coronavirus. La vita degli italiani è indubbiamente cambiata e ognuno sta cercando di adattarsi come può, ma tutto ciò, tutte queste restrizioni, sono fonte di stress.

L’Oms, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, ha delineato delle linee guida per riuscire a superare al meglio questo particolare periodo.

La quarantena, infatti, crea tensioni in casa, soprattutto in famiglia perché ognuno avrà i suoi ritmi e i suoi momenti bui. Persino i bambini sono colpiti dallo stress da Coronavirus e diventano più agitati, inquieti, a volte addirittura spaventati e possono sfinire i genitori, ma richiedono attenzioni e rassicurazioni. Si innescano, dunque, meccanismi laceranti. Proprio per questo motivo l’Oms ha proposto dei semplici rimedi, 7 consigli da seguire per evitare di farsi contagiare dallo stress.

  1. È normale sentirsi tristi, stressati, confusi o spaventati durante una crisi. Parlare con persone di cui ti fidi ti può aiutare. Contatta gli amici e la famiglia.
  2. Se devi rimanere a casa, mantieni uno stile di vita sano - dieta corretta, sonno, esercizio fisico - e i contatti sociali con i tuoi cari e i tuoi amici via e-mail e telefono.
  3. Non fumare, non bere alcolici o peggio ancora non usare droghe per affrontare le tue emozioni.
  4. Se ti senti sopraffatto dall’angoscia, parla con un operatore sanitario o con un consulente. Raccogli le informazioni che ti possano aiutare a determinare con precisione il rischio in modo da poter prendere precauzioni ragionevoli.
  5. Trova una fonte scientifica attendibile come il sito web dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (Who) o una istituzione governativa del tuo paese.
  6. Cerca di limitare la preoccupazione e l'agitazione riducendo il tempo che tu e la tua famiglia trascorrete guardando o ascoltando i media che percepisci come sconvolgenti.
  7. Ricorda come in passato hai affrontato le avversità della vita per gestire le tue emozioni durante il momento difficile di questa emergenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un male si è portato via il tenente Nicola Di Biase, aveva solo 27 anni

  • Si è spento Giuseppe Sigismondi, titolare della storica tabaccheria lungo corso Marrucino

  • Bimbo di 3 anni investito mentre attraversa la strada con la mamma: panico a Chieti Scalo

  • A fuoco chiosco in piazza Garibaldi nella notte

  • Morì all'improvviso durante l'emergenza sanitaria: una messa per ricordare l'autista della Croce Gialla Cocco

  • Speleologi bloccati nella grotta a Roccamorice: trovato morto il terzo, un geologo dello Speleo club di Chieti

Torna su
ChietiToday è in caricamento