Fa male dormire con le lenti a contatto?

Chi usa le lenti a contatto, a volte le dimentica e ci si addormenta: si può fare? Scopriamo errori e rischi

Si può dormire con le lenti a contatto? Quali sono i rischi che si corrono, se non si tolgono prima di andare a letto? Il problema di chi usa spesso o di tanto in tanto le lenti a contatto è proprio questo: addormentarsi e risvegliarsi al mattino con fastidi più o meno gravi. Perché con le lenti a contatto non si può dormire, i rischi sono molti, quindi è meglio toglierle prima di coricarsi.

Ricordiamo che la lente a contatto è un dispositivo medico che richiede grande attenzione: bisogna avere mani pulitissime per metterle e rimuoverle, effettuare un’adeguata pulizia dell’occhio e conservarle in appositi contenitori, per evitare contaminazioni batteriche.

Dormire con le lenti a contatto: i rischi

Succede a tutti di addormentarsi come sassi, soprattutto dopo una giornata intensa. La stanchezza fa brutti scherzi, ma anche pigrizia e distrazione non sono da meno. Insomma, può capitare di addormentarsi con le lenti a contatto e, a volte, ciò non comporta nulla, ma questo non deve diventare un’abitudine.

Anche se le lenti sono approvate per uso notturno, i rischi sono molti e riguardano infezioni e infiammazioni. Ciò avviene perché gli organismi che invadono la cornea, operano al buio e in ambiente umido con poco ossigeno. La lente aiuta questi microrganismi ad aderire all’occhio, aumentando così la probabilità di infezioni e ulcere.

Il problema maggiore è legato alla mancanza di ossigeno, per un periodo pari o quasi a 24 ore: si crea una secchezza importante, gli occhi diventano rossi e gonfi e si possono formare anche delle cisti.

Cosa fare e cosa no se si portano le lenti a contatto

  • Non usare l’acqua corrente per conservare o sciacquare le lenti a contatto. Questa, come la distillata, può contenere parassiti, che potrebbero aggredire la cornea. Bisogna usare solamente la specifica soluzione salina. Il problema dell’acqua si riscontra anche quando si va al mare, andando sott’acqua: in questo caso è meglio usare degli occhialini o una maschera.
  • Non lavarsi le mani. È un errore molto comune ma toccare le lenti con le mani sporche può provocare gravi infezioni e irritazioni.
  • Non sostituire le lenti al momento giusto. Ogni lente a contatto ha una durata: giornaliera o mensile perlopiù. Tenere le lenti oltre il periodo consigliato, come molti – secondo una ricerca – fanno, espone gli occhi al rischio di infezioni.
  • Non cambiare la soluzione salina a ogni applicazione. Bisogna sempre usare una soluzione salina nuova per evitare la proliferazione di batteri.
  • Indossare sempre o spesso lenti a contatto. Gli occhi non possono essere “coperti” 24ore al giorno dalle lenti, hanno bisogno di respirare e riposare. Oltre alla notte, scegliete un momento della giornata per spogliarvi da questo presidio medico e preferite gli occhiali da vista.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto si ribalta in curva: arrivano i vigili del fuoco per estrarre il conducente dalle lamiere

  • Alcol e droga, strage di patenti: la Polstrada ne ritira 8 in una notte

  • La Nottata lancianese e la notte bianca dello Scalo: il programma del weekend

  • Piante di marijuana alte due metri lungo il fiume Pescara: arrestati padre e figlio

  • Lanciano, aggredito da sei coetanei. Il papà: "Rischia di perdere un occhio"

  • Francavilla al Mare, cane salva padrona dalla furia dell’ex: ora cerca casa

Torna su
ChietiToday è in caricamento