A Villalfonsina c'è il museo dei vecchi tempi, che racconta la storia della civiltà contadina

Tra i vecchi attrezzi da medico e un abito da sposa, passando per i sistemi di misura e stoccaggio del grano, la struttura ideata e fondata da  Luigi Marcucci ospita più di 1.500 pezzi

Saperi, cultura e tradizioni continuano ad animare il piccolo borgo di Villalfonsina, in provincia di Chieti, custode di ricchissime tradizioni locali. Ultima novità è il museo "dei vecchi tempi", “MUSEUM LM47", inaugurato domenica scorsa in via San Rocco 3, a pochi passi dalla storica fontana del paese. Il taglio del nastro è stato affidato a Mimmo Budano, sindaco di Villalfonsina, coadiuvato da Valeria Bertocchi e Luigi Marcucci, fondatore del museo.

La struttura ospita oltre 1.500 pezzi di oggetti antichi di vari settori: agricoltura, falegnameria, caccia e guerra. In più, c'è una sezione di cartoline, documenti, lire italiane, dello Stato vaticano e della Repubblica di San Marino. Tra i pezzi anche una antica medaglia dell’ Unione sovietica nel periodo comunista.

La raccolta di oggetti dei "vecchi tempi" nasce da una passione dell’ideatore e fondatore, Luigi Marcucci, per gli usi e costumi della nostra comunità contadina, con l'obiettivo di preservare l'ingegno e il saper fare delle nostre genti, a volte davvero sorprendente, prima dell'avvento della tecnologia.

Tra i vecchi attrezzi da medico e un abito da sposa, passando per i sistemi di misura e stoccaggio del grano, la storia scorre velocemente fino ai documenti risalenti alle Guerre Mondiali, eventi che hanno scosso profondamente il mondo e anche le vite delle famiglie del circondario vastese.

Attrezzature da fotografo, chiavi e utensili da calzolaio: un percorso che racconta la vita com'era, intrecciando il quotidiano ai grandi avvenimenti storici.

Commenta il sindaco Budano: 

Tutto il paese è riconoscente a Marcucci per il pregevole lavoro svolto nella realizzazione di questa struttura che vuole ricordare alle future generazioni i mestieri di una volta. Queste iniziative sono un esempio delle qualità culturali delle nostre comunità e dell’impegno personale dei nostri concittadini. Aprire un museo non è un punto di arrivo, ma un punto di partenza e un'occasione per dare dinamismo al nostro comune. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'esposizione si può visitare il sabato, dalle ore 8.30 alle 12 e dalle 17.30 in occasione di feste e sagre di paese. Si organizzano visite riservate per gruppi e scuole telefonando al numero 3292095143. L'ingresso è totalmente gratuito.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vasto e Chieti piangono la scomparsa del professor Domenico Rossi, morto a 50 anni per un malore

  • Paglieta in lutto per Antonella, mamma di tre bambini scomparsa a 34 anni

  • Estate 2020: in spiaggia con la mascherina, sotto l'ombrellone a 1 metro di distanza. Come si andrà al mare

  • Oggi sposi, nonostante il Coronavirus: Jessica e Francesco si sono sposati a Chieti in attesa dei loro gemellini

  • Coronavirus: nessun nuovo caso in provincia di Chieti, ma c'è una persona morta

  • Proprietà e benefici delle fave, da mangiare rigorosamente con “pane onde”

Torna su
ChietiToday è in caricamento