Beni culturali, in Abruzzo due Soprintendenze: a Chieti e L'Aquila

Due uffici stabili, con il capoluogo che conferma la sua sede. L'ex sottosegretario Vacca: "Molto soddisfatto"

il ministro Franceschini

 Il Mibact ha deciso: in Abruzzo ci saranno due Soprintendenze stabili, quella di L’Aquila-Teramo e quella di Chieti-Pescara.

Oltre alla Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio, che ha sede a Chieti in via degli Agostiniani, opererà l'altra Soprintendenza istituita dal Ministero con le stesse funzioni per L’Aquila e Teramo.

Il ministro per i Beni e le attività culturali Dario Franceschini ha così dato seguito al lavoro inziato dal suo predecessore Bonisoli. Soddisfatto l'ex sottosegretario abruzzese ai Beni e alle attività culturali Gianluca Vacca, che ricorda il suo impegno in prima persona per dotare la regione di due Soprintendenze, lasciando quella straordinaria per L’Aquila attiva in maniera permanente.

“L’Aquila - commenta oggi il deputato Vacca - avrà la sua soprintendenza dei beni culturali in pianta stabile. Un percorso iniziato con il primo Governo Conte e oggi confermato dall’attuale esecutivo che ribadisce la sua vicinanza all’Aquila e all’Abruzzo. Sempre seguendo la linea che percorremmo con il ministro Bonisoli viene inserita, anche nella nuova organizzazione del Ministero, una direzione generale che si occuperà proprio di ricostruzione dei beni culturali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimba di dieci mesi rischia di soffocare al centro commerciale: salvata da un infermiere

  • La simpatia di Alessandra da Chieti conquista la puntata di Avanti un altro

  • Sentenza storica per gli ex militari transitati all'impiego civile: accolta la tesi del legale teatino Pierluigi Abrugiati

  • Tragico incidente: auto finisce in un fosso a pochi metri dalla cerimonia per Rigopiano, morta una donna di Chieti

  • Trova i ladri in camera da letto mentre gioca alla Play: paura in casa a Vasto Marina

  • Cane investito e ucciso in pieno centro nell'indifferenza, la rabbia dei padroni: "Il responsabile deve pagare"

Torna su
ChietiToday è in caricamento