Sposi sempre più immaturi all'altare, aumentano i matrimoni annullati

Spesso ci si accosta alle nozze con superficialità, in questo senso il presidente del tribunale ecclesiastico Abruzzese-Molisano De Grandis ha spiegato che “a livello ecclesiale si sta investendo sul piano della formazione umana"

Aumentano i matrimoni annullati al Tribunale ecclesiastico abruzzese e molisano: dal 2018 al 2019 le sentenze di dichiarazione di nullità sono passate da 126 a 136, mentre le cause iscritte a ruolo da 99 a 103.

Un aumento lieve, sicuramente dettato dal fatto che ci si sposa sempre meno in chiesa. Ma la causa principale dei matrimoni annullati dal Tribunale ecclesiastico risiede nella immaturità psico-affettiva dei coniugi.

Lo ha spiegato ieri nell’Aula Magna del Seminario Regionale Chieti nel corso dell’inaugurazione dell’anno giudiziario del TEIAM -Tribunale Ecclesiastico Interdiocesano Abruzzese-Molisano il vicario giudiziale don Antonio De Grandis. Presenti con lui al Seminario Regionale l’arcivescovo Bruno Forte,  presidente della Ceam e moderatore del Teiam e l'arcivescovo metropolita di Cagliari monsignor  Giuseppe Baturi che ha tenuto una prolusione sul ruolo della C.E.I. nella Riforma dei Tribunali Ecclesiastici Italiani alla luce del “Mitis” di Papa Francesco” ovvero sulla Lettera Apostolica del Sommo Pontefice sulla riforma del processo canonico per le cause di dichiarazione di nullità del matrimonio nel Codice di Diritto Canonico.

Gran parte dei motivi di nullità è legata appunto all’immaturità psico-affettiva, riscontrata in 110 casi. Spesso ci si accosta alle nozze con superficialità, in questo senso il presidente del tribunale De Grandis ha spiegato che “a livello ecclesiale si sta investendo sul piano della formazione umana e cristiana per accompagnare i fidanzati”.

“Il tribunale ecclesiastico si occupa di famiglie spesso ferite – ha detto monsignor Forte – occorre sempre una grande comprensione e attenzione per aiutare ogni famiglia a trovare la verità”.

Per quanto riguarda i tempi del tribunale ecclesiastico, la Cei ha registrato un dimezzamento dei tempi dei processi ordinarinell’ultimo anno: da due anni a un anno.   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, famiglie in isolamento a Pescara dopo contatti con contagiati

  • Dai tavoli de "La Pecora Nera" al cinema per adulti: il primo film di Marilena Di Stilio

  • Coronavirus, riunione operativa in Regione: obbligo di isolamento per chi ha avuto contatti con le zone rosse

  • Coronavirus: 17enne in isolamento all'ospedale di Vasto, è appena tornata da Padova

  • Anffas Chieti in lutto: è morta la presidente Gabriella Casalvieri

  • Tamponamento a catena sull’Asse Attrezzato: code in direzione Pescara

Torna su
ChietiToday è in caricamento