Lanciano celebra il Giorno del ricordo con la testimonianza di un esule dall'Istria

Alla cerimonia in programma sabato parteciperà Carlo Alberto Agostinis, immortalato in una foto diventata simbolo dell'esodo

L'amministrazione Comunale di Lanciano, per conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell'esodo degli istriani, dei fiumani e dei dalmati italiani dalle loro terre durante la Seconda guerra mondiale e nell'immediato secondo dopoguerra (1943-1945) e della più complessa vicenda del confine orientale, in occasione del Giorno del Ricordo 2019, invita la cittadinanza a partecipare alla cerimonia commemorativa che si terrà sabato 9 febbraio, alle ore 10.15, in largo Martiri delle Foibe. 
 
Alla cerimonia interverrà con una testimonianza il signor Carlo Alberto Agostinis, esule italiano dalla terra d'Istria e cittadino lancianese che è stato immortalato nella nota fotografia che rappresenta l'esodo subito dalla popolazione italiana nel 1947.

Programma:

ore 10.15 - raduno dei partecipanti
ore 10.30 - deposizione corona di alloro al Monumento ai Martiri delle Foibe | Allocuzioni
ore 10.45 - testimonianza del Sig. Carlo Alberto Agostinis, esule. 

La cittadinanza è invitata a partecipare.

GiornodelRicordo_Lanciano-2

Potrebbe interessarti

  • Si cerca uomo scomparso questa mattina a Chieti

  • Voglia notturna di cornetto? Ecco le cornetterie aperte a Chieti

  • Ragno violino: cosa fare in caso di attacco

  • Roccamontepiano, la festa di San Rocco: tra culto e tradizione

I più letti della settimana

  • Tragedia in mare, morti i due ragazzi dispersi in zona Foro

  • Oggi l'ultimo saluto ad Alessandro e Federico, i fratellini annegati a Ferragosto

  • Più di 20 mila posti di lavoro in Abruzzo: per un terzo si cercano figure introvabili

  • L'auto si sfrena e rischia di travolgere i visitatori del mercatino, ma una giovane coraggio la blocca

  • Ortona, due ragazzi dispersi in mare nella zona del Foro

  • Incidente di un'acrobata durante il Macondo festival, pubblico con il fiato sospeso

Torna su
ChietiToday è in caricamento