Fabrizia D'Ottavio a Bucchianico per parlare ai ragazzi di futuro e di scelte scolastiche

La ginnasta teatina interverrà nell'ambito del progetto “Allenarsi per il futuro” dell'istituto comprensivo bucchianichese

Sarà la campionessa di ginnastica artistica Fabrizia D'Ottavio, oro ai Mondiali di categoria a Baku nel 2005 e medaglia d'argento alle Olimpiadi di Atene del 2004, ad incontrare domani mattina, 9 novembre, i ragazzi delle classi seconde e terze della scuola secondaria di primo grado dell'Istituto Comprensivo di Bucchianico, che raccoglie le scuole  di Bucchianico, Vacri e Villamagna, e a parlare loro dell'importanza della scelta della scuola superiore e del futuro percorso di alternanza scuola-lavoro: un confronto che intende favorire l’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro e promuovere la formazione e l’orientamento scolastico, che vede fianco a fianco il mondo della scuola e quello dell'impresa. La giornata, che è identificata dal titolo “Allenarsi per il futuro”, infatti è il risultato di un progetto sviluppato da due aziende specializzate in tecnologie e servizi, la Bosch, e in risorse umane, la Randstad, che intendono far comprendere ai ragazzi come intraprendere il cammino verso il futuro, ascoltando la testimonianza di un'atleta che ha fatto dell'impegno un fattore di successo.
Dapprima la campionessa sarà presso la Sala del Banderese a Bucchianico, alle 9, per incontrare i ragazzi della scuola di Bucchianico, poi alle 11 si sposterà presso il centro sociale di Vacri dove parlerà ai ragazzi di Vacri e Villamagna.


"Attraverso la metafora dello sport – ha spiegato il dirigente scolastico, prof.ssa Francesca Di Tecco – questo incontro intende trasmettere ai ragazzi l'importanza di compiere scelte scolastiche corrispondenti alle attitudini personali, oltre che alle richieste del mercato, 'allenando' il talento per raggiungere gli obiettivi professionali. Un buon percorso di orientamento, infatti, dovrebbe fornire ai giovani l’opportunità di conoscere meglio se stessi e le proprie inclinazioni e, allo stesso tempo, di avere una visione realistica delle richieste del mondo del lavoro per potersi proiettare in modo consapevole nel proprio futuro professionale, scegliendo il percorso scolastico più coerente con le legittime aspettative di gratificazione personale. Per la scuola è essenziale accompagnare i ragazzi nella crescita della consapevolezza di sé e delle proprie inclinazioni: in questo modo possiamo contribuire alla riduzione della dispersione scolastica, che secondo le statistiche è ancora tra le principali cause della disoccupazione giovanile".
 

Potrebbe interessarti

  • Doppio intervento per salvare la vita a una mamma e alla sua bimba

  • All'ospedale di Chieti apre il servizio psichiatrico di diagnosi e cura

  • La vastese Roberta Petroro sposa mister Oddo

  • Aperitivo a Chieti: 6 locali da non perdere

I più letti della settimana

  • Bucchianico, incidente in moto: muore giovane ragazzo

  • Evade oltre 700mila euro: sequestrati conti correnti e villa al titolare di azienda vitivinicola

  • Caldo killer, malore sulla spiaggia a Ortona: muore a 50 anni

  • Ponti e festività da record nel prossimo anno scolastico: ecco quando si torna sui banchi

  • Precipita da un ponteggio per oltre 2 metri e batte la testa: è grave

  • La d'Annunzio celebra i laureati eccellenti in stile americano, ma la cerimonia si tiene a Pescara

Torna su
ChietiToday è in caricamento