Lavoro, scuola e sport 'a distanza' ai tempi del Coronavirus: "Abbiamo cambiato le nostre abitudini"

La pandemia Covid-19 ha mutato di colpo le abitudini nei vari ambiti delle nostre vite. L'imprenditore Ivan Pantalone, il docente Antonello Antonelli e il coach trainer Paolo Festa ci raccontano questi cambiamenti

Scuola, lavoro e sport. Nel giro di poco tempo tutto è cambiato nei giorni del Coronavirus. Teledidattica nelle scuole, smartworking per le aziende e allenamento da casa per quanto concerne il benessere fisico, sono ormai una realtà. Nuove attività a distanza, a chilometro zero, sono entrate prepotentemente nelle nostre vite. Un imprenditore, un docente e un coach trainer ci raccontano i rispettivi cambiamenti, nei vari ambiti, dopo l'esplosione della pandemia. 

LAVORO - Fin dall’inizio dell’emergenza Covid-19 un numero sempre crescente di aziende ha chiesto ai loro dipendenti di limitare le trasferte di lavoro e lavorare in smart working, utilizzando gli strumenti di collaboration a loro disposizione. “Ci siamo dovuti adeguare in maniera molto veloce a causa dell’emergenza – spiega l’imprenditore teatino, Ivan Pantalone - pensavo fosse tutto più complicato e invece in un paio di giorni possiamo direi che il sistema era pronto. L’ 85% dei dipendenti lavora da casa – racconta Pantalone che è a capo di una società del ramo biomedicale - mentre in azienda restano solo gli addetti alla logistica e i magazzinieri che in questi giorni hanno un gran lavoro per le consegne sistemi disinfezione e prodotti tradizionali disposititivi salva vita".

Ivan Pantalone-3

Una nuova modaltà di lavororo che presente dei risvolti positivi. "Noi facciamo due riunioni al giorno, quello che ho notato – spiega Pantalone – è la forte coesione dello staff condividendo questa esperienza che genera  maggiore disponibilità,  produttività e orientamento a risolvere i problemi".  L’esperimento anche se forzato sta andando bene. "Quando questa situazione passerà, spero al più presto - conclude il giovane imprenditore -  ci ritroveremo un po’ tutti a ripensare il modo di lavorare, soprattutto per quanto riguarda gli spostamenti che oltretutto nella maggior parte dei casi hanno un impatto ambientale non indifferente”.

SCUOLA - Di pari passo alle aziende anche gli istituti scolastici sono partiti con la didattica a distanza. Il Comprensivo di Bucchianico è costituito da 11 plessi: 5 scuole dell’infanzia, 3 scuole primarie, 3 scuole secondarie di I grado, sempre più interconnessi tra loro. “Dopo una prima settimana in cui la formazione ha riguardato i docenti – spiega Antonello Antonelli vice preside e animatore digitale del comprensivo – siamo passati all’unificazione di tutte le classi virtuali per ogni ordine del comprensivo (Bucchianico-Vacri-Villamagna). Utilizziamo una piattaforma gratuita per la didattica collaborativa e attraverso questa struttura riusciamo a simulare assieme ai ragazzi una vera classe virtuale con zero costi". Questa la nuova giornata tipo per docenti e studenti. "La mattina ci dedichiamo alle lezioni, ma con orari più flessibili rispetto alla normale didattica frontale: indicativamente 2-3 ore nell’arco della mattinata durante le quali ogni insegnante può creare e inserire video, fornire e test compiti che può verificare in diretta. Lo sforzo che si richiede a noi insegnanti – spiega Antonelli, che insegna italiano, storia e geografia – riguarda la reinterpretazione della nostra funzione che va oltre  l'aspetto nozionistico”.  

Antonello Antonelli-2

I problemi, però, ci sono e riguardano pricipalmente le differenze socioeconomiche degli alunni. “Non tutte le famiglie – dice Antonelli -  posseggono i dispositivi idonei, oppure semplicemente hanno più figli e non hanno le possibilità di dotare ciascuno di un pc o un tablet. Inoltre la connessione non è uguale dappertutto. Noi cerchiamo di parificare come scuola queste differenze - spiega Antonelli - stando vicini con i mezzi disponibili per raggiungere e dialogare con tutti". La risposta di studenti e insegnanti è stata positiva. "la maggior parte degli insegnanti si è impegnata al massimo in questa nuova sfida - racconta Antonelli - mentre per gli studenti dopo un inizio in cui percepivano il tutto come un grande gioco, ora noto una puntualotà che non avevo mai visto: si impegnano al massimo proprio perchè a loro la scuola manca nella sua dimensione, nel rapporto con i docenti e nella necessità di impegnarsi in qualcosa".

SPORT- Drasticamente cambiata anche la vita degli sportivi. Gli impianti e le palestre sono chiuse ed è fortemente sconsigliato (in alcuni Comuni espressamente vietato) uscire di casa anche per una sessione di corsa. A raccontarci questa nuova dimesione è il coach trainer teatino, Paolo Festa che ci spiega come sia profondamente mutata "la vita di chi, come me, svolgeva delle attività endurance all’aperto, di sacrificio ad esempio con la bici e che ora si ritrova di colpo a casa tutto il giorno”. Per quanto riguarda coloro che fino a poco fa uscivano in bici “l’unica alternativa sono i ‘rulli’ - spiega Festa - sui quali si posiziona la bici e che permettono di pedalare in casa. Ovviamente non è la stessa cosa per chi usciva anche con il freddo e la pioggia”.

paolo festa-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Capitolo fitness: stare intere giornate a casa per quasi tutti è un’assoluta novità in un mondo descritto fino a ieri come ‘frenetico’. Un ritorno al passato, quando la casa era maggiormente vissuta. “Si è tornati a cucinare in casa ogni giorno, ad esempio, come accadeva tanti anni fa. Rispetto al passato nella vita moderna il fintess ha un ruolo importante e per questo in molti non possono farne a meno”. Così Paolo Festa, che gestisce una palestra a Chieti, ha trasformato il gruppo Facebook riservato alle comunicazioni con agli iscritti in una palestra virtuale. “Ogni mattina alle 10 consegno il lavoro da fare con un video in diretta – spiega il coach trainer – gli esercizi con i pesi vengono rimodulati attraverso gli accessori che abbiamo in casa, utilizzando ad esempio delle bottiglie d’acqua o zaini con libri. La risposta è buona e in tanti continuano a seguirci in attesa che termini questa ‘pausa’ e si possa ripartire con le attività normali”.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dolore e sgomento per la morte di Ottavio De Fazio, il motociclista caduto durante un'uscita

  • Schianto mortale lungo la Tiburtina: motociclista di Chieti perde la vita

  • Impiegata positiva al Covid-19, chiude ufficio postale di Francavilla al Mare

  • Malore improvviso in casa, muore a 39 anni tecnico informatico

  • In Abruzzo arrivano i Condhotel, stanze d'albergo vendute ai privati

  • L'Abruzzo scelto per la sperimentazione dell'app Immuni con Liguria e Puglia, si parte a giugno

Torna su
ChietiToday è in caricamento