Accoglienza ai migranti, lavoro e integrazione: il progetto di CreatiVita

Il comune di Lentella come modello nel per il progetto “ALI - Accoglienza Lavoro Inclusione”

Si è tenuta, giovedì scorso, presso il centro diurno anziani di Lentella, la presentazione del Progetto “ALI - Accoglienza Lavoro Inclusione” a cura dell’Associazione Teatrale CreatiVita. Il Progetto vuole favorire il processo di integrazione tra richiedenti asilo e comunità locale mediante la realizzazione del cortometraggio ALI, uno storytelling volto a narrare l’importante ed unica esperienza dello Sprar (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati) “Sinomi”, una realtà attiva dal 2014 capace di raggiungere dei risultati importanti nella collocazione lavorativa e quindi nella integrazione di uomini e donne migranti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infatti, lo Sprar di Lentella riesce a inserire nel mondo del lavoro il 65% degli ospiti e questa percentuale nei periodi di lavori stagionali raggiunge il 100%.

Il convegno, patrocinato dal Comune, è stato organizzato in collaborazione con la Società cooperativa onlus Nuvola che gestisce lo Sprar e ha visto la partecipazione del sindaco Carlo Moro e del responsabile della struttura di accoglienza Claudio Pracilio, oltre che di Stefania Pascali di CreatiVita.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Aderiamo, inoltre, a un progetto internazionale denominato InteGreat, che ha l’obiettivo di favorire l’integrazione dei rifugiati all’interno delle comunità locali”, spiega Pracilio, “In quest’ottica ospitiamo studenti da ogni parte del mondo e questa circostanza permette di rompere lo schema per il quale da un lato ci sono gli italiani e dall’altra i migranti creando una realtà multiculturale e di scambio”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un male si è portato via il tenente Nicola Di Biase, aveva solo 27 anni

  • Si è spento Giuseppe Sigismondi, titolare della storica tabaccheria lungo corso Marrucino

  • Bimbo di 3 anni investito mentre attraversa la strada con la mamma: panico a Chieti Scalo

  • A fuoco chiosco in piazza Garibaldi nella notte

  • Morì all'improvviso durante l'emergenza sanitaria: una messa per ricordare l'autista della Croce Gialla Cocco

  • Speleologi bloccati nella grotta a Roccamorice: trovato morto il terzo, un geologo dello Speleo club di Chieti

Torna su
ChietiToday è in caricamento